Pian delle Maddalene 21 Settembre 2003 “la cros della Cauriota”
 
Forse molti si chiederanno perché da qualche anno si sono ripresi gli incontri con la Comunità di Ziano, forse per la speranza di un collegamento fra le due Comunità?Forse per le bellissime amicizie create anche durante le nostre feste e in particolare la nostra sagra? Forse si! Però senz’altro la motivazione migliore è storica, quella che da sempre i due paesi, Caoria e Ziano, hanno avuto per Cultura, Tradizioni, Costumi e commerci.Con quest’opuscolo cerchiamo di far conoscere qualche briciola di nostra storia passata, nella speranza che l’ipotizzato collegamento diventi realtà.

        « LA CROS DE LA CAURIOTA »
 
La necessità, il bisogno di soccorrere al sostentamento della famiglia, il desiderio di guadagnare qualche lira, sovente, hanno obbligato la gente della montagna, della nostra Valle, ad allontanarsi da casa a recarsi in paesi distanti alla ricerca d'un lavoro, unito sempre alla sofferenza, alla nostalgia del lontano focolare.Il preparare poche cose da portare con sè, una sporta, una valigia, faceva insorgere sentimentidi tristezza mal celata, uno struggimento dell'animo che non voleva rassegnasi al distacco dallepersone care, dai famigliari, ed il sogno manzoniano della «speranza di fare altrove fortuna»scemava, impauriva la mente.Quanta forza d'animo, decisa volontà dovevano avere i nostri padri per superare la prova d'un allontanamento forzato - e si diceva volontario-,per avviarsi, spesso a piedi, e raggiungere il Vorarlberg o la Francia, quando l'emigrazione non fu rivolta addirittura - e diveniva andar via persempre - verso le Americhe.Quanti emigrati non tornarono più in patria, al proprio paese, nella casa paterna, e, distrutti dalle fatiche, morivano lontano, e le loro croci sono sparse ovunque su questo povero mondo; i loro nomi sono scritti su registri lontani, in una lingua straniera, spagnolo o inglese.Accade ancora che molti giovani e giovanette, per una occupazione stagionale, si recasseronella vicina Valle dell'Adige al fine di guadagnare qualche soldo: ciò avveniva già qualche decennio prima del 1900.«Gruppetti di giovanotti di ambo i sessi», come scrive Aldo Zorzi, «dai quindici ai venticinque anni, verso il 20 di Settembre (all'inizio quindi dell'autunno e quando i lavori più importanti della fienagione erano ultimati) erano soliti recarsi presso i contadini della Val d'Adige:a Termeno, a Cortaccia, Ora, Egna, Montagna, Caldaro, per lavori della vendemmia, raccolta di mele, pere, uva e castagne.Anche dei giovani e giovanette di Caoria si prestavano per questi lavori al fine di raggranellare qualche corona prima del 1914 e qualche liretta dopo il 1919.Si portavano essi in Val di Fiemme, a piedi, giungendo dapprima a Refavaie e salendo quindi,attraverso il bosco, verso il Passo Sadole per discendere, superato il passo, in Val di Fiemme.Al gruppo si univa la spensierata gioventù di Ziano».A Ziano c'era una sosta nel viaggio di trasferimento ed i Caurioti alloggiavano, bene accolti,dagli ospitali Fiemmesi: il vincolo della necessità,della povertà, si rinsalda in queste occasioni,diventa amicizia duratura e sincera, gentile solidarietà umana.Dopo la sosta di una nottata, a Ziano, via nuovamente, al mattino, verso il Passo di San Lugano, a piedi, per arrivare, in giornata, al posto designato per questa occupazione stagionale che si protraeva anche per una quarantina di giorni.Terminato, a fine Ottobre o ai primi giorni di Novembre, il lavoro della raccolta delle mele,delle pere, dell'uva e delle castagne, alla spicciolata - chi finiva prima e chi a distanza di qualche settimana - la gioventù ingaggiata per il lavoro faceva ritorno a casa ed anche contenta non solo per aver finito il lavoro, ma per aver messo da canto qualche soldo: l'inverno è lungo da passare in montagna. Una giovane di Caoria, Sperandio Anastasia,terminato il suo ingaggio autunnale, faceva ritorno a casa.Giunge, Anastasia, sabato 12 Novembre 1927, verso sera, a Ziano, e scese dal treno a vapore alla piccola stazione La ferrovia Ora-Predazzo costruita a scopi di guerra da prigionieri serbi e russi e dai ragazzi di Fiemme, nel 1917, ora serviva alla gente della Valle di Fiemme e Valle di Fassa per recarsi in Val d'Adige, o a Trento, o a Bolzano.«Il treno a vapore», come scrive Antonio Molinari, «fu sostituito a binario allargato, nel 1928,da quello elettrico e questo, ma non senza lasciare nella popolazione un senso di nostalgia, fu soppresso il 10 gennaio 1963, perché la concorre nza dei veicoli motorizzati l'avevano reso passivo».(Antonio Molinari - la strada della valle di Fiemme -).La giovane Anastasia, uscita dalla piccola stazione ferroviaria (questo edificio è in attesa di essere trasformato), s'avviò con il suo povero bagaglio verso la vicinissima casa di Vanzetta Giuseppe e Marianna (avevano, questi coniugi, una numerosa figliolanza) dove era solita, già da qualche anno,fermarsi per la notte, accolta dai figli della divina Provvidenza.Il mattino seguente, dopo la S. Messa domenicale,avrebbe proseguito, a piedi, il suo viaggio per Passo Sadole e Caoria.Domenica 13 Novembre 1927 una pioggia dirotta sconsigliava il proseguimento del viaggio: i coniugi Vanzetta medesimi non volevano che la giovane riprendesse il cammino e le offrivano vitto ed alloggio in attesa del ritorno del tempo buono.La giovane Anastasia, sia per non essere ulteriormente di peso alla famiglia ospite che già per una notte l'aveva accolta in casa, sia perché, diceva,aveva fatto sapere al fratello Antonio che le venisse incontro sul Passo Sadole proprio quel giorno 13, quella domenica, volle incamminarsi esalire alla volta del Passo.Salutati i Vanzetta, la giovane s'avviò sotto a una pioggia dirotta ed iniziò quel suo ultimo viaggio.Da Ziano, a piedi, al Passo Sadole - e la stra da scoscesa non è la carreggiabile odierna – ci vogliono più di tre ore di cammino per un dislivello che supera i 1200 metri.Nessuno saprà mai quanto la povera giovane soffrì lungo quel suo viaggio verso il Passo Sadole,lungo la faticosa salita, quando, per l'autunno avanzato, in quota trovò neve abbondante ed il vento e la tormenta. A casa non arrivò più.Pare si sia fermata presso la Malga Sadole, te la casera, ad accendere un focherello e riscaldarsi ed asciugarsi; lo confermò il fuoco spento ritrovato.Il fratello di Anastasia, Antonio, non salì per quel giorno al Passo Sadole perché pensò che a motivo del tempo proibitivo, la sorella fosse rimasta a Ziano.O forse raggiunse la Malga Laghetti e non potè proseguire per la neve abbondante e fece ritorno a casa pensando che la sorella non si fosse messa in viaggio.Anastasia a casa non arrivò più. Lunedì 21 Novembre Bonelli Gino di Cavalese e Mattioli Giuseppe di Ziano, giunti al Pian de le Madalene - si recavano a Caoria per comperare degli animali (la moglie di Bonelli è di Caoria) - trovarono, addossata a un grande sasso, a quota 1800, nelle vicinanze del Maseron, la giovane Anastasia morta per assideramento, sotto a una coltre di circa 60 centimetri di neve.Fecero immediatamente ritorno a Ziano, i due, ed avvertirono i Carabinieri.La giovane stava salendo per la Val di Sadole e,superata la Malga Sadole, stava affrontando l'ultimo tratto del sentiero per il Passo.Si era scatenata lassù, in quota, più violenta la bufera, la tormenta di neve, e la giovane donna non era stata capace nè di proseguire, nè di ritornare alla Malga che aveva lasciato da circa una mezz'oretta.Cercò riparo sotto a un masso, s'accasciò e lì rimase e le s'intorpidirono le membra e la ghermì, furtiva, lontana dai suoi famigliari, lontana dai benefattori di Ziano, la morte.Pietose mani di soccorritori - e tra questi Zanon Giacinto da Ziano - trasportarono la salma della giovane a Ziano.
Sui registri anagrafici presso il Municipio di Ziano è scritto che Sperandio Anastasia morì il 21 Novembre 1927 e la data corrisponde al giorno del ritrovamento della giovane. Sui registri dei Morti, presso l'ufficio parrocchiale di Ziano, è scritto invece: «Sperandio Anastasia di Beniamino (è cancellato il nome di Massimino) e Francesca nata Casèr da Caoria, trovata morta in Sadole e sepolta qui 24 d.m.».Come data della morte è segnato il 13 Novembre, e più sotto il 21, data del ritrovamento.Ad officiare le esequie, nel pomeriggio  di giovedì 24 Novembre, fu don Gardener. La giovane Anastasia fu tumulata nel cimitero di Ziano.I Carabinieri di Cavalese telefonarono ai Carabinieri di Canal S. Bovo perché avvertissero i famigliari della giovane, del ritrovamento della salma.I Carabinieri di Canal S. Bovo recarono la triste notizia a Caoria al curato don Daniele Sperandio, che riferì, a sua volta, il tutto ai conoscenti della giovane I famigliari di Anastasia si trovavano ancora, con gli animali, a Mardel de Fortheleta, e non poterono assistere ai funerali della giovane figlia. La notizia della morte della giovane giunse ufficialmente molto più tardi all'ufficio anagrafico di Canal S. Bovo che trascrisse l'atto di morte nei registri del 1928.
La Pretura di Cavalese aveva scritto infatti che alle ore 18 del 21 Novembre 1927, Sperandio Anastasia è deceduta in località Pian delle Maddalene ai piedi del monte Cauriol: l'ora ed il giorno corrispondono, evidentemente, con le constatazioni di legge.Sperandio Anastasia era nata a Caoria di Canal S. Bovo il 20 Ottobre 1906 da Massimino detto Costantet e da Francesca Casèr.Aveva due sorelle ed un fratello: Sabina, Carolina tuttora vivente in Toscana, ed Antonio,
deceduto qualche anno fa a Canal S. Bovo.La famiglia veniva chiamata «dei Lamoi» e trascorreva buona parte dell'anno tra Mardel, el Roncon ed il Col dei Boti, quindi molto isolata e senza la possibilità di poter scambiare un discorso
con i paesani.Una famiglia di contadini che allevava degli animali, procurava il fieno agli stessi nella buona stagione; una famiglia dotata di un discreto benesse
re ed autosufficiente, formata da persone oneste,bravissime, ma dal carattere piuttosto chiuso, particolare, non socievoli.Vivevano così, del loro lavoro, delle fatiche di ogni giorno, lontani dalla gente, dal paese dove facevano ritorno solo verso Natale per ripartire qualche mese dopo e continuare la loro esistenza
nella solitudine.Anche la giovane Anastasia era cresciuta così, un poco chiusa in se stessa, e riesce difficile comprendere come la giovanetta si sia adattata a recarsi in servizio stagionale.Probabilmente, nutrendo della simpatia per un paesano, in lei crebbe il desiderio di preparare qualche cosa di diverso, un bel corredo, con i propri risparmi, per poter salire, degna sposa, l'altare del sì, della promessa.L'attendeva un calvario di sofferenze ed una coltre candida e la morte a ventuno anni.Quattro giorni dopo che fu sepolta nel piccolo cimitero di Ziano, lunedì 28 Novembre, morì anche Zanon Giacinto di G. Battista e Margherita Daprà, che aveva partecipato alle ricerche della giovane.Era nato il 10 Ottobre 1900 ed era celibe. Fu trovato morto in Bambesta per ferita d'arma da fuoco alla testa, accidente di caccia, e fu sepolto venerdì 2 Dicembre proprio accanto alla giovane Anastasia: due giovani esistenze stroncate, due croci, due ricordi tristi.
«Pietose mani fiemmazze», scrive Aldo Zorzi, «e ressero poi una semplice croce in ferro su un masso al Pian de le Madalene, con una scritta, ora consunta».Chi sale da Malga Sadole verso il Passo vedrà lacroce, la cros de la Canalina sopra un masso porfirico.Verrà sistemata presto una nuova targa sulla croce con il nome e la data di morte della giovane a ricordare una fragile esistenza, un angelo che spiccò il suo volo dai Maseroi ai piedi del monte Cauriol.
© 2016 Gruppo Alpini di Caoria. Tutte le immagini ed i testi sono riservate.

Da vedere

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La presente informativa è resa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali.
Il conferimento dei dati è obbligatorio, necessario per rispondere alle richieste inviate nonché per ricontattare il mittente per ottenere precisazioni in ordine a quanto segnalato. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati ai fini della spedizione e per l'elaborazione di studi e ricerche statistiche, anche nell’ambito delle valutazioni delle segnalazioni in tema di revisione della spesa. I dati personali non saranno comunicati a soggetti estranei al processo di spedizione. I dati raccolti potranno essere divulgati in forma anonima e potranno essere utilizzati per report e statistiche. I dati raccolti sono trattati con strumenti informatici. I dati saranno conservati in una forma che consenta l’identificazione dell’interessato per un periodo di tempo non superiore al completamento dell’istuttoria e delle valutazioni oggetto della comunicazione stessa. Idonee misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Il titolare del trattamento dei dati raccolti è:

Gruppo ANA Caoria
Via Ghiaie - 38050 CAORIA (TN).

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lg. n. 196/2003).
Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte al titolare del trattamento dei dati personali.

Cookie

Il Sito utilizza:

  • cookie di sessione il cui utilizzo non è strumentale alla raccolta di dati personali identificativi dell'Utente, essendo limitato alla sola trasmissione di dati identificativi di sessione nella forma di numeri generati automaticamente dal server.
    I cookie di sessione non sono memorizzati in modo persistente sul dispositivo dell'Utente e vengono cancellati automaticamente alla chiusura del browser.
  • cookie di terze parti per la condivisione su alcuni tra i principali social network (Facebook , Twitter, Google+, WhatsApp, YouTube).
    Ogni volta che l'Utente decide di interagire con i plug-in ovvero accede al Sito dopo essersi "loggato" attraverso il proprio account Facebook o Twitter, alcune informazioni personali potrebbero essere acquisite dai gestori delle piattaforme di social network (per esempio, la visita dell'Utente al Sito).

Il gruppo alpini di caoria non ha accesso ai dati che sono raccolti e trattati in piena autonomia dai gestori delle piattaforme di social network. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti dai social network, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dai soggetti che forniscono i servizi in questione: